Open

Archivi dell\'autore: Cresco S.r.l.

Cassazione Penale sentenza n. 44301 del 5 ottobre 2018 – Incendio provocato da una smerigliatrice

La Corte di appello di Brescia il 5 ottobre 2018, ha confermato la condanna del datore di lavoro E.M.P., in qualità di amministratore unico della s.r.l., responsabile del delitto ascrittogli di lesioni gravi al dipendente A.M.

L’imputato, quale datore di lavoro, è stato così ritenuto responsabile delle lesioni gravi subite dal dipendente A.M. (ustioni agli arti inferiori con inabilità di 105 giorni), a titolo di colpa per la sottovalutazione del rischio specifico di incendio provocato dall’utilizzo di sostanze infiammabili e per la mancata adozione di adeguate misure organizzative e procedurali, con il divieto di utilizzo del solvente Frekote 44 NC in prossimità della zona di lavoro ove veniva utilizzata la smerigliatrice, e dell’art.37, comma 1, d.lgs.81/2008 per l’inadempimento agli obblighi di informazione, formazione e addestramento in tema del rischio specifico di incendio provocato dall’utilizzo di sostanze infiammabili nell’ambito delle mansioni svolte.

Inoltre, nel corso impartito al A.M. non era stato affrontato il tema dei profili di rischio connessi all’uso del solvente in questione e su questo accertamento (la Corte d’Appello, n.d.r.) ha eretto la propria valutazione in termini di colpa di tale omissione dell’imprenditore.

 

Per  consultare l’approfondimento clicca qui.

FONTE : Corte di Cassazione

Defibrillatori : Legge 4 Agosto 2021 n.116

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge n.116  riguardante l’obbligo dell’installazione dei defibrillatori semiautomatici e automatici  esterni (DAE) in diversi luoghi e situazioni, anche da parte di soggetti non specificamente formati, regolando il collegamento e l’interazione con la rete dell’emergenza territoriale 118, e promuovendo campagne di informazione e sensibilizzazione, nonchè l’introduzione di specifici insegnamenti, anche negli Istituti di Istruzione primaria e secondaria.

A tale proposito, sono stati messi a disposizione contributi nel limite di 2 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2021.

Tra le principali novità verranno introdotte :

– L’obbligatorietà dell’installazione dei DAE nei luoghi pubblici e la loro accessibilità;

– L’estensione in ambiente extraospedaliero anche al personale sanitario non medico, e non sanitario adeguatamente formato e nel mondo dello sport;

– L’introduzione della formazione al DAE nelle scuole secondarie;

– Il lancio di campagne informative di sensibilizzazione all’utilizzo del DAE.

Clicca qui per consultare l’approfondimento.

FONTE : Gazzetta Ufficiale

Valutazione dei rischi legati agli agenti fisici sul lavoro

E’ stato approvato, da parte del Gruppo Tecnico Interregionale Prevenzione Igiene e Sicurezza sui luoghi di lavoro, con la collaborazione dell’INAIL e Istituto Superiore di Sanità, il documento “Indicazioni operative per la prevenzione del rischio da Agenti Fisici ai sensi del Decreto Legislativo 81/08 che sostituisce la versione del 2014 in relazione alla valutazione e prevenzione dei rischi derivanti da Radiazioni Solari, Microclima, Rumore, Vibrazioni.

Il presente documento ha l’obiettivo di fornire una serie di indicazioni operative che orientino ad una adeguata e corretta applicazione del D.Lgs. 81/08 in relazione alla prevenzione dei rischi da Agenti Fisici.

Il documento è articolato in 5 parti :

parte 1 : titolo VIII, capo 1, D.Lgs. n. 81/2008

parte 2 : radiazione solare

parte 3 : microclima

parte 4 : rumore

parte 5 : vibrazioni

Clicca qui per consultare l’approfondimento.

FONTE : INAIL in collaborazione con PAF

La valutazione delle atmosfere esplosive. Quale normativa applicare?

Il Decreto Legislativo 81/2008 art.288 prevede che i datori di lavoro effettuino la valutazione del rischio da atmosfere esplosive, secondo quanto previsto dal Titolo XI.

Tale articolo disciplina i provvedimenti da adottare per la protezione dei lavoratori contro i rischi da atmosfere esplosive, si intende “una miscela con l’aria, a condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri in cui, dopo accensione, la combustione si propaga nell’insieme della miscela incombusta”.

La sicurezza nei luoghi di lavoro con pericolo di esplosione è regolamentata, a livello europeo, da due direttive comunemente denominate ATEX. Tale acronimo sta per “ATmosphères EXplosibles” e segnala che “tra le misure di prevenzione dell’esplosione che il datore di lavoro può adottare vi è l’inertizzazione“, è un quaderno tecnico pubblicato dall’ATS della Città Metropolitana di Milano e dal titolo “Inertizzazione – affidabilità del sistema di monitoraggio e controllo – Esempio“.

Clicca qui per consultare l’approfondimento.

FONTE : INAIL

X