Open

Daily Archives: 28 Settembre 2021

Stop allo smart working : si torna in presenza!

Addio allo Smart Working, a partire dal 15 ottobre 2021 si torna in ufficio!

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha firmato il DPCM con cui stabilisce il ritorno a lavoro in ufficio per i dipendenti pubblici.

Le PA devono però assicurare il rispetto delle misure anti Covid-19 per il ritorno in presenza.

Il DPCM è stato siglato il 24 Settembre 2021  ma vediamo più nel dettaglio che cosa prevede !!

Innanzitutto, per amministrazioni pubbliche si intendono :

  • tutte le amministrazioni dello Stato, compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative;
  •  le aziende e amministrazioni dello Stato a ordinamento autonomo;
  • Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane, e loro consorzi e associazioni;
  • le istituzioni universitarie;
  • gli Istituti autonomi case popolari;
  • le Camere di commercioindustria, artigianato e agricoltura e loro associazioni quali :
  •  tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali;
  •  le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale.

Resta lo Smart Working nella PA a Enti quali :

  • gli organi costituzionali e di rilevanza costituzionale;
  •  le autorità amministrative indipendenti, comprese la Commissione nazionale per le società e la borsa e la Commissione di vigilanza sui fondi pensione.

Inoltre, ha  aggiunto il Ministro Brunetta che la modalità ordinaria di lavoro nelle PA tornerà ad essere nuovamente in presenza in maniera graduale. Infatti, entrerà in ufficio prima chi lavora gli sportelli, poi chi lavora nel back office. In parallelo, il ritorno in ufficio interesserà le amministrazioni centrali e periferiche.

Entro il 15 ottobre saranno poi indicati gli strumenti tecnologici necessari all’implementazione delle piattaforme digitali per verificare il Green Pass ai dipendenti.

Chi non rispetta l’obbligo potrà avere sanzioni fino a 1500 euro.

Fai clic per accedere a SchemaRientro_0.PDF

X